Resident Evil 3 Remake non convince la critica

Resident Evil 3

Sono giornate particolarmente aspre e drammatiche, quelle che il mondo sta attraversando agli inizi del mese di aprile. Benché manchino pochi giorni all’arrivo delle festività natalizie, anche il concetto di festa, oramai, è piuttosto stemperato. D’altronde, l’emergenza legata al dilagare del covid-19 non si placa, e anzi siamo ora entrati in una fase in cui ogni giorno aumentano esponenzialmente i numeri dei nuovi contagi e dei decessi. In questo quadro, dunque, non stupisce che anche il settore videoludico si sia trovato in grandi difficoltà, trovandosi costretto, tra le altre cose, a rimandare un titolo attesissimo come The Last of Us 2. Ce l’ha fatta, invece, Resident Evil 3 Remake, che peraltro era avanti nella fase di produzione. Ma stiamo parlando di un bel gioco?

Effettivamente Resident Evil 3 Remake dovrebbe effettuare il proprio debutto a breve, ma diverse copie sono già state fornite ad alcuni critici specializzati e a youtuber versati nel settore videoludico. Ciò che sembra trasparire maggiormente è la delusione. Stupisce negativamente, in tal senso, la durata del gioco: la campagna principale a quanto sembra può essere conclusa nel giro di appena quattro o cinque ore, con molte parti del titolo classico che sono state completamente tagliate. Anche diverse dinamiche sono state stravolte e limitate (come gli enigmi), mentre un punto a favore sembra essere per il comparto tecnico.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*